Spedizione gratuita in tutta Italia per ordini superiori ai 200€

Due cultivar: Biancolilla e Nocellara del Belice

cultivar

Nel vasto mondo dell’olio d’oliva, le cultivar rivestono un ruolo fondamentale nella determinazione delle caratteristiche organolettiche del prodotto finale. Due varietà particolarmente rinomate per la produzione di olio extravergine di alta qualità sono la Biancolilla e la Nocellara del Belice. In questo articolo, esploreremo le caratteristiche distintive di queste cultivar e il contributo che offrono al mondo dell’olio d’oliva.

Cultivar Biancolilla

La cultivar Biancolilla è diffusa principalmente in Sicilia, dove gode di un clima mediterraneo ideale per la sua coltivazione. Le olive di questa varietà sono di dimensioni medie e presentano una forma ellittica con una caratteristica tonalità verde-gialla. La resa in olio di Biancolilla è elevata e produce un olio extravergine dall’aroma fruttato e delicato, con note di mandorla e pomodoro. In bocca, si distingue per la sua dolcezza e la sua leggerezza, con un equilibrato bilanciamento tra dolce e piccante. L’olio ottenuto dalla Biancolilla è particolarmente apprezzato per la sua versatilità in cucina, adatto sia per condire insalate e piatti di pesce che per accompagnare formaggi freschi e verdure grigliate.

Cultivar Nocellara del Belice

La Nocellara del Belice è un’altra cultivar di olive ampiamente coltivata in Sicilia, particolarmente nella valle del fiume Belice. Le olive di questa varietà sono di grandi dimensioni e presentano una forma sferica con una buccia spessa e resistente. La resa in olio della Nocellara del Belice è moderata, ma produce un olio extravergine di altissima qualità, caratterizzato da un intenso aroma fruttato con note di erba appena tagliata e pomodoro. In bocca, si distingue per il suo gusto leggermente amaro e piccante, con un retrogusto persistente e armonico. L’olio ottenuto dalla Nocellara del Belice è particolarmente adatto per esaltare i sapori dei piatti tipici della cucina mediterranea, come bruschette, pasta fresca e carne alla griglia.

Le cultivar Biancolilla e Nocellara del Belice rappresentano due eccellenti esempi della ricchezza e della diversità del patrimonio olivicolo italiano. Grazie alle loro caratteristiche uniche e alla qualità del loro olio extravergine, queste cultivar continuano a conquistare i palati di tutto il mondo e a contribuire al prestigio dell’olio d’oliva italiano sul mercato internazionale. Che si tratti di condire una semplice insalata o di preparare un piatto gourmet, l’olio ottenuto da queste cultivar offre un’esperienza sensoriale straordinaria e un’eccellente qualità gastronomica.

Condividi

Leggi anche...